HOME PAGE

Cerca in lex nel web 


Oggi è il
 Segnala lex.iaconet.com     aggiungi lex.iaconet.com ai tuoi preferiti   imposta lex.iaconet.com come pagina iniziale
 Servizi principali
 iaconet.com
 home page
 presentazione
 avvocati UE
 albo avvocati
 domiciliatari
 ordine avvocati
 deontologia on line
 ricerca giuridica
 partner
 segnala risorsa
 Canali tematici
 glossario giuridico
 diritto europeo
 giurisprudenza
 news cassazione
 legge e codici
 lex & internet
 costituzionale
 diritto penale
 procedura penale
 criminologia
 penitenziario
 condominio & legge
 diritto civile
 processuale civile
 codice della strada
 amministrativo
 diritto familiare
 diritti consumatori
 fiscale & tributario
 associazioni
 diritto ambientale
 diritto commerciale
 aste & fallimenti
 studi legali on line
 siti giuridici
 tribunali on line
 diritto del lavoro
 istituzioni ed enti
 previdenza pensioni
 università on line
 diritto romano
 utilità varie
 diritto varie
 Aggiungi  le  news  legali  di  lex.iaconet.com  nel  tuo  sito

 Diritto Amministrativo home



La massima dei Giudici di Palazzo della Consulta, con sentenza n. 223 / 04 hanno annullato quella parte del comma 5 - quinquies dell'articolo 14 che prevede l'arresto obbligatorio dello straniero trattenutosi nel territorio dello stato anche dopo il provvedimento di espulsione.
La direttiva della Corte statuisce che la sentenza incide solo sulla misura cautelare dell'arresto e non intacca nè il comma 5 - ter, che dispone l'obbligo della espulsione con accompagnamento, nè quella parte del comma 5 - quinquies che prevede la facoltà del trattenimento in un centro di permanenza temporanea.
Quindi, l'applicazione di queste disposizioni può avvenire come per il passato.
Di seguito riportiamo la Massima della corte Costituzionale:



CORTE COSTITUZIONALE - sentenza n. 223 del 2004

La Corte Costituzionale, riuniti i giudizi:

1) dichiara la illegittimità costituzionale dell'art. 14, comma 5 - quinquies, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina della immigrazione e norme sulla condizione dello straniero), inserito dal comma 1 dell'art. 13 della legge 30 luglio 2002, n. 189, nella parte in cui stabilisce che per il reato previsto dal comma 5 - ter del medesimo art. 14 è obbligatorio l'arresto dell'autore del fatto;
2) dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale del combinato disposto dell'art. 558 del codice di procedura penale, nonché degli artt. 13, commi 3, 3 - bis, 3-quater, e 14, comma 5 - quinquies, del predetto decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, come modificati dalla legge 30 luglio 2002, n. 189, sollevata, in riferimento agli artt. 24, 101, secondo comma, e 111 della Costituzione, dal Tribunale di Firenze, con l'ordinanza in epigrafe.
Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, l'8 luglio 2004.


 Sentenza della Corte Costituzionale n. 222/2004 sulla Legge Bossi Fini: la sentenza de qua ha dichiarato parzialmente illegittimo il comma 5 dell'art. 13 - bis imponendo che ... --> continua




top torna ad inizio pagina

Cerca in lex nel web 
iaconet.com® è registrato. Copyright . Tutti i diritti riservati. Per info: e-mail
Leggi le note legali & condizioni di utilizzo. A cura del Dott. Rodolfo Iaconello. Sede legale in Caltanissetta (italy).